Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
sabato 15 giugno 2024  
  Altopascio e Montecarlo Attualità Attualità & Humor Auto e Motori Bon Appetit C.N.A. Capannori - Porcari Comunicati Stampa Cultura Cultura & dintorni Degrado lucchese Elezioni 2022 Garfagnana La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa  
  Lucca Curiosa Manifattura tabacchi Mediavalle - Val di Lima Mondo animale Necrologi Pescia - Villa Basilica Politica Politica Lucchese Racconti Lucchesi Salute Satira Società Spettacolo Sport Venti di guerra a oriente VERSILIA  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
Lotto AstraZeneca, la Toscana ha già sospeso le dosi non utilizzate

FIRENZE - 11 marzo 2021 - La Toscana ha già provveduto a sospendere l'utilizzo del lotto ABV2856 del vaccino AstraZeneca come da indicazione precauzionale di Aifa, che ne ha vietato l'utilizzo sul territorio nazionale, dopo la segnalazione di alcuni presunti 'eventi avversi gravi'.

La Regione ha tempestivamente sospeso l’utilizzo delle 15 dosi non ancora somministrate di questo lotto, in via del tutto precauzionale.

Il lotto citato dall’Agenzia italiana del farmaco, oggetto di indagini, è arrivato in Toscana nel mese di febbraio: dal 11 al 23 febbraio sono state somministrate 15.743 dosi senza che siano emerse criticità particolari nelle persone che hanno ricevuto la prima dose.

“Al momento - come si legge nella nota stessa di Aifa - non è stato stabilito alcun nesso di causalità tra la somministrazione del vaccino e gli eventi”, segnalati.

Il divieto di utilizzo di tale lotto su tutto il territorio nazionale è stato disposto da Aifa in via cautelativo, in attesa degli esiti di tutte le verifiche del caso.

Procede, invece, con regolarità la somministrazione delle dosi AstraZeneca relativamente ad altri lotti.


Emergenza Covid, tamponi rapidi gratuiti in farmacia per studenti e loro familiari
FIRENZE, 11 marzo 2021 - Studenti, loro familiari, e personale scolastico, potranno fare gratuitamente un test antigenico rapido, andando in farmacia. E’ quanto prevede un accordo tra la Regione Toscana e le organizzazioni sindacali Federfarma e Cispel, approvato tramite delibera, nell’ultima seduta di Giunta, su proposta dell’assessore alla sanità, Simone Bezzini.

Gli studenti maggiorenni potranno accedere al servizio tramite un’autocertificazione e controfirmando un’apposita dichiarazione di obbligatorietà all’isolamento fiduciario, in caso di esito positivo al tampone antigenico rapido; i minorenni potranno accedere allo screening dietro consenso del genitore, del tutore o di un affidatario.

Lo screening è rivolto, su base volontaria, non solo agli scolari e studenti (0-18 anni) di tutte le scuole di ogni ordine e grado, agli studenti universitari e dei percorsi di istruzione e formazione professionale, e al personale scolastico; ma anche ai genitori (anche se separati o non conviventi, come ai relativi tutori o affidatari), ad altri familiari (sorelle, fratelli) e anche ai nonni non conviventi.

Le farmacie, che effettuano il test, sono tenute a registrarne l'esito sul portale regionale per consentire il necessario tracciamento dei positivi. L’accordo con le organizzazioni sindacali delle farmacie consente, inoltre, di offrire il test antigenico rapido a tutta la restante popolazione a un prezzo calmierato massimo di 22 euro, e il test sierologico (mirato a rilevare la presenza di anticorpi IgG e IgM) a 20 euro, contribuendo così a favorire il più possibile lo screening tra i cittadini, a tutela della loro stessa salute.

L'elenco delle farmacie aderenti alla iniziativa sarà pubblicato sul sito della Regione Toscana entro la prossima settimana.

“Siamo tra i primi in Italia a mettere in atto questa strategia preventiva con la stretta collaborazione delle farmacie pubbliche e private, che ringrazio della disponibilità - dichiara il presidente Eugenio Giani -. Il nostro principale, comune, obiettivo è isolare il più possibile i casi di infezione e abbassare il tasso di contagio tra la popolazione. La recente legge di bilancio - prosegue il presidente - autorizza le farmacie a effettuare tamponi antigenici rapidi. Abbiamo così colto subito questa opportunità e siglato un accordo con le organizzazioni sindacali delle farmacie per potenziare l'attività di screening pandemico, concentrandoci su un settore particolarmente sensibile come è quello della scuola”.

“La delibera recentemente approvata - spiega l’assessore Bezzini - offre all’intero settore scolastico la possibilità di usufruire di test antigenici rapidi gratuiti, comprendendo in modo estensivo non solo gli studenti e il personale, che a vario titolo opera nelle nostre scuole, ma anche i familiari degli studenti stessi. Un tassello in più del progetto Scuole Sicure. L’accordo con le farmacie, che ringrazio della loro fattiva collaborazione, favorisce una capillarità di intervento in tutti i territori toscani, ampliando ulteriormente la nostra capacità di testing e fornendo uno strumento strategico in più nella lotta quotidiana contro l’attuale emergenza pandemica”.

“Le farmacie comunali hanno messo a disposizione anche questa volta la propria professionalità in questo ennesimo difficile momento di emergenza sanitaria - commenta Alessio Poli, coordinatore Farmacie di Confservizi Cispel Toscana -. Il loro coinvolgimento è una soluzione strategica ottimale per il capillare presidio, che svolgono sul territorio. L’accordo, la cui adesione per le farmacie è comunque facoltativo, va incontro a due esigenze precise: supportare il progetto regionale ‘Scuole Sicure’ attraverso uno screening gratuito, rivolto potenzialmente a tutti gli studenti asintomatici e ai loro familiari; e potenziare l’azione dei laboratori di analisi e, parallelamente, calmierare i prezzi, fissando soglie massime di costo ai tamponi effettuati dalle farmacie, cercando di favorire tutti i cittadini. La sottoscrizione di questo accordo dimostra come le farmacie comunali toscane siano sempre più integrate con il Servizio Sanitario Regionale, un elemento fondamentale nei percorsi di prevenzione e cura per tutti i cittadini”.

“Per le farmacie della Toscana la recente pubblicazione della delibera regionale 169 è la testimonianza di come nuovamente la nostra capillarità di servizio sul territorio e la prossimità alla cittadinanza sia un elemento molto importante di supporto alla sanità territoriale e permetta una valida azione di contrasto all’attuale pandemia - afferma Sergio Bottari, presidente di Federfarma Toscana -. Fa particolare piacere che questa iniziativa sia rivolta alla popolazione scolastica e al mondo che le gravita intorno, proprio perché pensiamo che la scuola sia uno dei settori più importanti da monitorare e mettere in condizione di lavorare in sicurezza. Affrontiamo come farmacisti questa prova con umiltà e orgoglio e con la soddisfazione di poter dare il nostro contributo in questa difficile battaglia”.





Livorno, pubblicato l’avviso per la ricerca della nuova sede provvisoria del distretto di Ardenza
LIVORNO, 11 marzo 2021 – È stato pubblicato oggi 11 marzo nella sezione “Bandi e Concorsi” del sito internet dell’Azienda USL Toscana nord ovest (www.uslnordovest.toscana.it) l’avviso pubblico per la ricerca di mercato finalizzata all’acquisizione in locazione transitoria “di un immobile o di una porzione di immobile nel Comune di Livorno – Zona Ardenza - da adibire a presidio territoriale per l’erogazione dei servizi sanitari essenziali”, in attesa della nuova Casa della Salute che sorgerà in Via del Mare. La proposta di affitto dovrà pervenire entro le 12 di sabato 20 marzo nelle modalità riportate dettagliatamente all’interno dal bando.

L’Azienda USL Toscana nord ovest confida che il bando pubblicato, dopo che il primo non aveva dato i frutti sperati, possa dare una risposta immediata all'esigenza di offrire una sede temporanea dove poter assicurare i servizi sanitari essenziali in attesa della realizzazione della nuova Casa della Salute di Via del Mare che offrirà ai cittadini della zona un servizio adeguato alle loro legittime aspettative.


[#]Coronavirus: 382 casi positivi nell’Asl Toscana nord ovest – il punto anche sulle vaccinazioni anti-Covid
11 marzo 2021 – Nell’Azienda USL Toscana nord ovest i casi positivi di oggi, 11 marzo, sono 382.



APUANE: 40 casi

Carrara 19, Massa 16, Montignoso 5;



LUNIGIANA: 2 casi

Pontremoli 1, Tresana 1;



PIANA DI LUCCA: 65 casi

Altopascio 6, Capannori 20, Lucca 27, Montecarlo 4, Pescaglia 3, Porcari 4, Villa Basilica 1;



VALLE DEL SERCHIO: 19 casi

Bagni di Lucca 2, Barga 3, Borgo a Mozzano 2, Camporgiano 2, Careggine 1, Castelnuovo di Garfagnana 1, Coreglia Antelminelli 2, Gallicano 2, Pieve Fosciana 2, Vagli di Sotto 1, Villa Collemandina 1;



PISA: 45 casi

Calci 3, Cascina 7, Pisa 29, San Giuliano Terme 3, Vecchiano 2, Vicopisano 1;



ALTA VAL DI CECINA VAL D’ERA: 47 casi

Bientina 9, Buti 1, Calcinaia 6, Capannoli 4, Casciana Terme Lari 1, Ponsacco 4, Pontedera 16, Santa Maria a Monte 5, Volterra 1;



LIVORNO: 63 casi

Collesalvetti 5, Livorno 58;



VALLI ETRUSCHE: 40 casi

Campiglia Marittima 2, Casale Marittimo 2, Castagneto Carducci 1, Castellina Marittina 2, Cecina 10, Piombino 6, Riparbella 5, Rosignano Marittimo 9, Santa Luce 1, Suvereto 2;



ELBA: 2 casi

Porto Azzurro 1, Portoferraio 1;



VERSILIA: 59 casi

Camaiore 8, Forte dei Marmi 3, Massarosa 12, Pietrasanta 12, Seravezza 3, Viareggio 21.



I guariti su tutto il territorio aziendale sono 49.325 (+271 rispetto a ieri, quando erano 49.054 – nel bollettino di ieri quest’ultimo dato non era corretto).



Si sono registrati 7 decessi di persone residente nel territorio aziendale: donna di 80 anni, donna di 88 anni, uomo di 90 anni, uomo di 68 anni e uomo di 56 anni dell’ambito territoriale di Massa Carrara; uomo di 85 anni e uomo di 80 anni dell’ambito della Versilia.

Si ribadisce che spetterà all’Istituto superiore di sanità attribuire in maniera definitiva al Coronavirus le morti con Covid: si tratta infatti, spesso, di persone che avevano già patologie concomitanti.



Per quanto riguarda i ricoveri per “Covid-19”, negli ospedali dell’Azienda USL Toscana nord ovest sono in totale 351 (ieri erano 347), di cui 37 (ieri erano 39) in Terapia intensiva.

All’ospedale di Livorno 67 i ricoverati, di cui 7 in Terapia intensiva.

All’ospedale di Lucca 83 i ricoverati, di cui 12 in Terapia intensiva.

All’ospedale Apuane 54 ricoverati, di cui 3 in Terapia intensiva.

All’ospedale Versilia 85 ricoverati, di cui 9 in Terapia intensiva.

All’ospedale di Pontedera 35 ricoverati, di cui 3 in Terapia intensiva.

All’ospedale di Cecina 27 i ricoverati, di cui 3 in Terapia intensiva.



Dal monitoraggio giornaliero, infine, su tutto il territorio dell’Azienda USL Toscana nord ovest, sono 15.417 (-524 rispetto ieri) le persone in quarantena perché hanno avuto contatti con persone contagiate.





Per ciò che concerne le vaccinazioni anti-Covid prosegue il piano elaborato ed attuato dall’Azienda USL Toscana nord ovest per raggiungere operatori del sistema sanitario, ospiti delle Residenze sanitarie assistenziali (Rsa), personale non sanitario, personale scolastico, forze di Polizia.

A ieri (10 marzo) le vaccinazioni effettuate erano 107.203, di cui 79.274 per prime dosi, tra operatori sanitari (29.715), ospiti delle Residenze sanitarie assistenziali (4.331), personale non sanitario, personale scolastico, forze di Polizia, ultraottantenni, soggetti estremamente vulnerabili etc (45.228).

Sono stati vaccinati 30.267 uomini e 49.007 donne.

Per quanto riguarda le fasce d’età la maggior parte dei vaccinati, a ieri (10 marzo), apparteneva la alla fascia d’età 50-59 con 18.577 vaccinati; segue la fascia 40-49 anni con 16.372; poi la fascia 30-39 con 10.852; quindi la fascia 60-69 con 9.341; la fascia 20-29 con 6.286; la fascia oltre i 90 anni con 7.894; la fascia 80-89 con 6.880; la fascia 70-79 con 2.964 vaccinati; ultima ancora la fascia 0-19 con 108 vaccinati.

Questo anche il dettaglio del numero di somministrazioni per zona con il dettaglio anche delle seconde dosi (in questi dati sono comprese sia le vaccinazioni ospedaliere che quelle territoriali):

Zona Apuane: 14.812 vaccinazioni di cui 4.139 seconde dosi;

Zona Lunigiana: 4.959 vaccinazioni di cui 1.362 seconde dosi;

Zona Piana di Lucca: 15.545 vaccinazioni di cui 4.268 seconde dosi;

Zona Valle del Serchio: 4.120 vaccinazioni di cui 1.074 seconde dosi;

Zona Pisana: 7.987 vaccinazioni di cui 570 seconde dosi;

Zona Alta Val di Cecina Val d’Era: 11.583 vaccinazioni di cui 3.197 seconde dosi;

Zona Livornese: 18.891 vaccinazioni di cui 5.818 seconde dosi;

Zona Valli Etrusche: 11.648 vaccinazioni di cui 2.550 seconde dosi;

Zona Elba: 2.518 vaccinazioni di cui 555 seconde dosi;

Zona Versilia: 15.140 vaccinazioni di cui 4.396 seconde dosi.



Il totale delle persone a cui sono state somministrate la prima e la seconda dose di vaccino era a ieri (10 marzo) di 27.929, corrispondente al 35,2[[[]]%[]] di coloro che avevano ricevuto la prima dose.

Sempre a ieri (10 marzo) gli ospiti delle strutture residenziali a cui sono state somministrate la prima e la seconda dose di vaccino erano 2.914, per una percentuale dell’88,4[[[]]%[]] di coloro che avevano ricevuto la prima dose.

Le prime dosi somministrate a ieri dai medici di medicina generale ai cittadini untraottantenni erano 12.458 così ripartite: Apuane 1.421; Lunigiana 736; Piana di Lucca 1.773; Valle del Serchio 778; Pisana 1.656; Alta Val di Cecina Val d’Era 1.074; Livornese 1.550; Valli Etrusche 2.026; Elba 279; Versilia 1.165.

E’ possibile seguire in tempo reale l’andamento della campagna di vaccinazione anti-Covid, avviata in Toscana il 27 dicembre scorso, grazie al portale web regionale https://vaccinazioni.sanita.toscana.it, on line dallo scorso 7 gennaio 2021.


“Nurse24.it”: striscione davanti al “San Luca” per dire grazie al personale
Lucca, 11 marzo 2021 – Un ringraziamento per tutti gli operatori sanitari. E’ il senso di una grande foto esposta da oggi (11 marzo) di fronte all’ospedale di Lucca.

L’idea è nata dalla collaborazione fra il quotidiano sanitario nazionale “Nurse24.it” e Alessandro Conti, fotografo di Lucca e autore anche delle immagini in mostra nei mesi precedenti al “San Luca” (l’esposizione era intitolata [#]MEMORIA ed era dedicata all’emergenza sanitaria da Covid-19).

Lo striscione con la foto è stato posizionato nel piazzale antistante l'ingresso dell'ospedale, dove resterà per circa un mese.

L’idea è stata già accolta positivamente da altri ospedali italiani.



“Un gesto di ringraziamento profondo che non ha nome – si legge nella dedica consegnata all’ospedale lucchese - per tutti coloro che ieri, oggi, domani saranno in prima linea sempre.”

Gratitudine per questa ulteriore dimostrazione di solidarietà e di vicinanza umana e sociale nei confronti del personale dell’ospedale, quotidianamente impegnato nella lotta al Covid, è stata espressa dal direttore sanitario della struttura ospedaliera Michela Maielli. Il supporto costante della comunità è infatti importante per gli operatori, da oltre un anno in prima linea in questa dura battaglia.



In allegato la foto dello striscione di ringraziamento posizionato da oggi al “San Luca” (nella prima foto il medico di direzione ospedaliera Spartaco Mencaroni e il fotografo Alessandro Conti)



(sdg)



File allegati :
1 ok.jpg
2 ok.jpg
3 ok.jpg
4 ok.jpg
Ospedale Livorno, aggiudicata nuova risonanza magnetica dal valore di oltre 650 mila euro per la Neuroradiologia
LIVORNO, 11 marzo 2021 – L’ospedale di Livorno si è appena aggiudicato con gara Consip un nuovo apparecchio di Risonanza Magnetica dal valore di oltre 650 mila euro. Lo strumento di ultima generazione sarà messo a disposizione della Neuroradiologia andando a sostituire il vecchio apparecchio permettendo un notevole salto in avanti qualitativo delle prestazioni effettuate.

“Si tratta – spiega Stefania Gaglianone, direttore della Neuroradiologia di Livorno – di un modello top di gamma che ci permetterà di implementare i nostri esami con l'utilizzo di metodiche, non disponibili sulla macchina attuale, quali la spettroscopia, la perfusione, la diffusione anisotropica e la trattografia. Questo renderà possibile un incremento delle capacità diagnostiche degli esami effettuati, ed in particolare, un miglior studio dei pazienti con neoplasie cerebrali offrendo un importante supporto all’attività garantita del reparto di neurochirurgia. La nuova risonanza magnetica avrà a disposizione un parco bobine decisamente maggiore e soprattutto un gantry, ovvero la struttura ad anello orizzontale, più ampio, che permetterà di eseguire esami sia a pazienti obesi sia a quelli in condizioni cliniche con posizione obbligata, ma anche di agevolare l’esecuzione dell’esame a persone con problematiche legate alla claustrofobia”.

Il nuovo acquisto completerà il rinnovo totale del parco macchine a disposizione del reparto dopo l’acquisizione di una nuova Tac a 64 strati e un nuovo angiografo entrambi nettamente più performanti delle precedenti apparecchiature.





Ufficio Stampa Usl Toscana nord ovest

FACEBOOK: @uslnordovest INSTAGRAM: @usl_toscana_nord_ovest
TWITTER: @uslnordovest YOUTUBE: @Azienda USL Toscana Nord Ovest

Anonimo - inviato in data 12/03/2021 alle ore 16.33.13 -

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
 
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it