Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
sabato 15 giugno 2024  
  Altopascio e Montecarlo Attualità Attualità & Humor Auto e Motori Bon Appetit C.N.A. Capannori - Porcari Comunicati Stampa Cultura Cultura & dintorni Degrado lucchese Elezioni 2022 Garfagnana La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa  
  Lucca Curiosa Manifattura tabacchi Mediavalle - Val di Lima Mondo animale Necrologi Pescia - Villa Basilica Politica Politica Lucchese Racconti Lucchesi Salute Satira Società Spettacolo Sport Venti di guerra a oriente VERSILIA  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
Rifondazione sull'Urbanistica

PARTITO DELLA RIFONDAZIONE COMUNISTA - LUCCA
Il Consiglio Regionale approva la deregulation urbanistica, con la scusa del PNRR. Al via le colate di cemento decise in pochi. Più consumo di suolo, meno strumenti di verifica e di partecipazione, cancellato il ruolo dei consigli comunali. Riannodiamo la mobilitazione politica e sociale contro questo scempio
Il Consiglio regionale Toscano ha scritto una bruttissima pagina della sua storia, coerente però con i disvalori di destra che ammantano l’attuale legislatura. Con l’approvazione della proposta di legge 92 infatti, con la scusa di poter impiegare al meglio i fondi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, si scrive un'altra tappa del “regolamento di conti” di una maggioranza trasversale di destra in Regione contro la cosiddetta legge Marson e soprattutto contro un idea programmatoria che vedeva la tutela dell’ambiente e il ruolo delle comunità locali come centrali di uno sviluppo possibile. Nella solita logica del togliere “lacci e lacciuoli” di berlusconiana memoria si cancella il ricorso infatti alla Valutazione Ambientale Strategica, si bypassa completamente il ruolo dei Consigli Comunali sulle varianti urbanistiche demandando – solo parzialmente per altro – alle conferenze dei servizi la funzione di decisori politici, si comprime partecipazione e si amplia la possibilità di ulteriore consumo di suolo. Insomma invece di una svolta verso un nuovo modello di sviluppo – che pandemia, guerra, crisi economica e ambientale rendono ogni giorno più evidentemente necessario – caratterizzato da un Green New Deal, si va nella direzione opposta proprio con la scusa di utilizzare i fondi per realizzare la svolta medesima in Toscana. Si deve accelerare per poter non perdere il treno del PNRR? Perché non si sono potenziati tutti gli strumenti regionali e soprattutto comunali, rafforzati non in maniera episodica e marginale gli uffici per velocizzare senza mortificare non orpelli ma passaggi essenziali? Già la selezione dei progetti è stata caratterizzata dal massimo della assenza di coinvolgimento e partecipazione, adesso si dà un ulteriore accelerata. A beneficiarne sicuramente saranno gli interessi particolari forti, mentre l’interesse generale sarà sacrificato. E se si parla di procedure temporanee è bene ricordare che invece i progetti saranno definitivi e condizioneranno la vita delle toscane e dei toscani per i prossimi decenni. Come Rifondazione Comunista fummo fra i promotori di un importante presidio lo scorso gennaio sotto il consiglio regionale, per fermare questa deregulation urbanistica, ci impegneremo per riannodare i fili della collaborazione e mobilitazione politica e sociale contro questo scempio.
Federazione di Lucca del Partito della Rifondazione Comunista

Redazione - inviato in data 22/04/2022 alle ore 16.04.04 - Questo post ha 3 commenti

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
COMMENTI
- Urbanistica allegrona... - da Anonimo - inviato in data 23/04/2022 alle ore 13.32.39
Il Tirreno 23 aprile 2022 - Lucca, viale Puccini si è svuotato: i negozi chiedono più stalli - Nella strada principale di Sant’Anna, il Comune punta sulle piste ciclabili I commercianti sono sempre più in sofferenza: «Qui non si ferma più nessuno» (...)

Della serie, botte piena e moglie/marito ubriaca/o!
A me personalmente interessa un cippalippa.
Saturate saturate! Mattoni e cemento, l'andazzo è sempre quello da sessant'anni, vai!
Datevi da fa, murate lì, vai, vai!!!!
Che poi dopo ci pensa Ugo.
Iolai!


---------------------------------------
- DALL'IDEOLOGIA ALLA PRATICA. - da Anonimo - inviato in data 22/04/2022 alle ore 22.15.36
Digitare: Regione Toscana, Ricognizione delle disposizioni incidenti sugli usi e le trasformazioni del territorio e sull'attività edilizia.
Le disposizioni oggetto di ricognizione occupano 21 pagine, con una media di 13-14 disposizioni per pagina.


---------------------------------------
- Oh rifondini!!! - da Anonimo - inviato in data 22/04/2022 alle ore 21.43.15
Tutta quell'alluvione di vomitevoli adempimenti, scartoffie, scartoffie informatiche, ecc., che le leggi del menga hanno scaricato addosso ai cittadini hanno messo in ginocchio l'Italia. Qui ora si tratta di capire se l'Italia sia in grado di spendere i soldi che le sono stati assegnati. Con le regole che avevamo (ed in parte abbiamo) spendere tutti quei soldi era/è tecnicamente impossibile. Quindi, o cambiare le leggi, o rinunciare da subito ai soldi. Fate un po''Voi....

La cosa più ganza è che avete la falce e il martello. Nelle nazioni comuniste non esisteva alcuna regola urbanistica. Il partito decideva e si doveva fare. Chiuso. Dovreste chiamarvi Rifondazione Anticomunista.


---------------------------------------
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
 
 
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it