Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
domenica 27 novembre 2022  
  Altopascio e Montecarlo Attualità Attualità & Humor Auto e Motori Bon Appetit C.N.A. Capannori - Porcari Comunicati Stampa Cultura Cultura & dintorni Degrado lucchese Elezioni 2022 Garfagnana La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa  
  Lucca Curiosa Manifattura tabacchi Mediavalle - Val di Lima Mondo animale Necrologi Pescia - Villa Basilica Politica Politica Lucchese Racconti Lucchesi Salute Satira Società Spettacolo Sport Venti di guerra a oriente VERSILIA  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
Nasce la scuola di manifattura additiva a Coreglia Antelminelli

Specializzazione professionale incentrata sulla stampa 3d


Apre a Coreglia Antelminelli una nuova scuola di formazione professionale, una summer school dedicata alla manifattura additiva e alle tecnologie 3D di grande formato con un focus su tre macro aree: arte, arredo pubblico ed economia circolare.
“La SMAC – Scuola di Manifattura Additiva di Coreglia Antelminelli – spiega Stefano Giovacchini, ideatore della scuola - è un corso di specializzazione professionale, dove teoria e pratica si integrano per rispondere alle sfide tecnologiche ed ecologiche di un mondo professionale in continua evoluzione come quello della stampa 3D”.
La SMAC nasce infatti dall’idea della società R3direct, azienda pioniera nell’uso delle plastiche riciclate nella stampa 3D di grande formato, attiva dal 2018, ed è ha come partner tecnico WASP (maggior produttore di stampanti 3D in Italia), Revet spa (industria toscana leader nella gestione integrata del ciclo dei rifiuti e produttrice di polimeri post consumo).
L’altro partner, la Cna di Lucca, ha deciso di sostenere l’iniziativa anche con una borsa di studio che verrà attribuita ad una persona sotto i 30 anni, autonoma o dipendente, e che ne permetterà la partecipazione gratuita.
“Il supporto di Cna è un motivo di orgoglio da parte della scuola – dice ancora Giovacchini - in quanto non si rivolge solo a progettisti, ma anche a produttori ed artigiani che vogliono inserire le tecnologie additive nella loro attività, diventando di fatto una scuola interdisciplinare: la stampa 3D necessita di una sinergia di maestranze, dove l’uomo con il suo “saper fare”, sia manuale che progettuale, ne è al centro”.
Il percorso fornirà le competenze necessarie ai futuri operatori della manifattura additiva (siano essi progettisti od artigiani) con particolare declinazione per i settori artistici, architettonici e di design, esplorando e sperimentando software di modellazione 3D, tecniche digitali di acquisizione ed utilizzo pratico di stampanti 3D di nuova generazione.
“SMAC è una scuola multidisciplinare per un’esperienza di lavoro condiviso unica nel suo genere – continua Giovacchini - già nel 1883, per fornire un patrimonio culturale di base a coloro che emigravano per esercitare il mestiere di figurinai, a Coreglia fu fondata una scuola “Di Disegno e Plastica”. L’ideatore, il cav. Carlo Vanni, che faceva parte di una famiglia di figuristi/imprenditori, scelse come primi insegnanti della nascente scuola importanti figuristi locali, di cui sono esposte varie opere nell’attuale museo della figurina e donò il palazzo di cui oggi è sede il museo della Statuina di Gesso, manifattura tuttora praticata nell’area di Coreglia e della valle del Serchio. La SMAC trae ispirazione dalla figura di Carlo Vanni e dalla sua scuola, e ne vuole essere una sua continuazione contemporanea”.
La stampa 3D viene declinata come processo produttivo per l’economia circolare e grande attenzione sarà data ai materiali di stampa sostenibili e provenienti da filiere circolari, con l’obiettivo di dimostrare come gli strumenti di fabbricazione digitale ed un nuovo concetto di fabbrica diffusa, che possa coinvolge anche delle aree interne come appunto Coreglia, siano strategie di produzione alternative alla produzione lineare e centralizzata. Le attività si incentreranno su tre aree di interesse dove la stampa 3d è particolarmente innovativa ed efficace: l’arte e la conservazione dei beni culturali, l’arredo pubblico e l’economia circolare.
I docenti saranno Cristiano Cavani e Marco Paganucci (esperti di reverse engineering e co fondatori di R3direct), Stefano Giovacchini (designer e co-fondatore di R34direct, docente di Design per l’economia Cricolare alla School of Sustainability), Lapo Naldoni (engineer and computational designer all’interno di WASP) e Edoardo Malagigi (divulgatore, artista e designer conosciuto per le sue installazioni monumentali realizzate con rifiuti).
Il progetto è patrocinato dal Comune di Coreglia Antelminelli.
Le informazioni in dettaglio sono disponibili sul sito www.r3direct.it.

Redazione - inviato in data 27/05/2022 alle ore 12.45.05 -

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
 
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it