Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
domenica 27 novembre 2022  
  Altopascio e Montecarlo Attualità Attualità & Humor Auto e Motori Bon Appetit C.N.A. Capannori - Porcari Comunicati Stampa Cultura Cultura & dintorni Degrado lucchese Elezioni 2022 Garfagnana La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa  
  Lucca Curiosa Manifattura tabacchi Mediavalle - Val di Lima Mondo animale Necrologi Pescia - Villa Basilica Politica Politica Lucchese Racconti Lucchesi Salute Satira Società Spettacolo Sport Venti di guerra a oriente VERSILIA  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
Switch-off Digitale TV, “Alcune aree interne e montane escluse dalla ricezione”

Mario Puppa (Pd) porta il caso in Regione e presenta un atto di indirizzo

In questi giorni le emittenti locali sono alle prese con il cosiddetto switch-off, vale a dire il riposizionamento delle frequenze sulla banda sub700 MHz. Ma non tutto sembra filare liscio.

Per questo Mario Puppa, consigliere regionale Pd, ha deciso di presentare una mozione per chiedere alcuni impegni precisi alla giunta toscana al fine di porre rimedio alle problematiche segnalate da alcune emittenti televisive, soprattutto per quanto riguarda le aree più interne e montane.

«Dopo le prime operazione compiute dalle emittenti per attuare lo switch-off, in attuazione del riposizionamento delle frequenze previsto dalla Road Map del Governo – spiega Puppa – sembrerebbero emergere alcuni problemi in alcune aree della Toscana, soprattutto in quelle interne e montane collocate nei primi territori coinvolti nel refarming delle frequenze, nelle quali sembrerebbe essere saltata la ricezione di alcune emittenti televisive locali. In sostanza, seppure in teoria le rete messa a disposizione delle emittenti locali dovrebbe avere una copertura regionale sembra essere meno capillare in alcune aree interne, come nel caso che mi è stato segnalato, ad esempio, dall’emittente lucchese NoiTV rispetto ad alcuni punti dell’area Garfagnana e Media Valle.

Se tale situazione venisse confermata e aggravata con nuovi casi, visto che il riposizionamento delle frequenze è ancora in corso saremmo di fronte ad un disservizio per le aree interne e montane, oltre che a un evidente danno economico alle imprese editoriali aventi diritto a trasmettere, che da sempre danno voce alle realtà locali e rappresentano un’ossatura fondamentale del patrimonio identitario della nostra regione. Per questo – conclude il consigliere regionale – credo che occorra intervenire urgentemente nei confronti del ministero dello Sviluppo economico per cercare di risolvere il problema e, al tempo stesso, pensare a interventi mirati della Regione per coordinare iniziative di estensione di nuovi impianti capaci di garantire una copertura uniforme sul tutto il territorio toscano».



Nel dettaglio, gli impegni per la giunta regionale previsti dalla mozione sono i seguenti:

“attivarsi presso il Governo, ed in particolare nei confronti del Ministero dello sviluppo economico, affinché vengano prese le misure necessarie per risolvere le problematiche tecniche emerse in alcune aree interne e montane della Toscana a seguito dell’attuazione del riposizionamento delle frequenze delle emittenti televisive sulla banda sub700 MHz, come previsto dalla Road Map di cui al decreto del MISE del 30 luglio 2021, al fine di garantire la complessiva trasmissione e ricezione delle emittenti locali, tutelare il necessario pluralismo dell’informazione locale, nonché salvaguardare i diritti acquisti dai soggetti interessati; rendersi disponibile nel coordinare e, se necessario, sostenere quei Comuni toscani collocati nelle aree interne e montane che hanno la volontà di attivare nuovi impianti di diffusione al fine di estendere la rete rispetto a quella prevista e, quindi, il segnale televisivo dell’operatore di rete sul proprio territorio, anche valutando la compartecipazione ad eventuali spese previste; portare avanti in accordo con i soggetti preposti, e in collaborazione con il Corecom, la necessaria attività comunicativa volta ad informare la cittadinanza circa la necessità di ri-sintonizzazione dei televisori o dei decoder al termine delle operazioni di refarming che si concluderanno, in Toscana, il 7 giugno 2022”.

Redazione - inviato in data 01/06/2022 alle ore 15.48.27 - Questo post ha 1 commenti

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
COMMENTI
- La tv del senatore - da Anonimo - inviato in data 02/06/2022 alle ore 23.28.54
Non sorprende che mister mozione scenda in campo per sollecitare (?) un veloce ripristino della diffusione massiccia del verbo familiare nelle zone interne, come al solito tutto nell’interesse dei cittadini

---------------------------------------
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
 
 
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it