Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
venerdì 23 febbraio 2024  
  Altopascio e Montecarlo Attualità Attualità & Humor Auto e Motori Bon Appetit C.N.A. Capannori - Porcari Comunicati Stampa Cultura Cultura & dintorni Degrado lucchese Elezioni 2022 Garfagnana La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa  
  Lucca Curiosa Manifattura tabacchi Mediavalle - Val di Lima Mondo animale Necrologi Pescia - Villa Basilica Politica Politica Lucchese Racconti Lucchesi Salute Satira Società Spettacolo Sport Venti di guerra a oriente VERSILIA  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
Prologo di Stravaganze: Fidarsi è bene, ma...

Prima parte:
Per carità, è stato un incontro assurdo ai massimi livelli. Non quadrava nulla. Non è che si possa pensare minimamente che io fossi talmente fessa da pigliare per vera quella montagna di fandonie che mi stavano rifilando. No, sicuramente avevano una strategia ed io dovevo intuire cosa girava nella loro zucca. Le loro storie erano talmente assurde da farmi addirittura pensare che fossero vere. Ma quei farabutti non mi avrebbero fregata. E, infatti, appena mi voltai, un colpo secco mi trafisse la schiena. Il secondo mi perforò nuca, cervello e altre cosette varie ed eventuali, poste lì da quelle parti. Caddi riversa a terra con la testa che zampillava sangue in ogni dove. Visto? Avevo ragione. Non c'era proprio da fidarsi di quei luridi mascalzoni!

Catrovacer Gemma

PROLOGO:
Ero morta? Ero viva? Non sentivo alcun dolore, ma udivo e vedevo tutto ciò che mi circondava in quel momento. D’improvviso uscii fuori dal mio corpo e iniziai a volteggiare sulle teste dei miei carnefici, i quali vedendomi librare nell’aria in forma di gigantesca farfalla cercarono di fuggire gridando dalla paura. Ero del tutto simile ad una falena notturna, ma le mie ali mostravano uno splendore non comune a quel tipo di farfalla crepuscolare. Avevano il colore del loto ed erano screziate d’oro e d’argento. Una vera magnificenza, che assieme alla loro luminosità e la particolare soavità del colore costituivano l’intera mia bellezza, adesso racchiusa nel corpo di una colossale farfalla. I miei occhi erano talmente lucenti che parevano impregnati di spiritualità. Ma in me donna, in me anima, e in me adesso farfalla, alla natura, al carattere spirituale, alla sensibilità, all’adesione profonda ai valori religiosi, prevalse la vendetta, la ritorsione, la punizione come giusto e divino castigo per ciò che avevo subito da quella marmaglia di assassini pervertiti che oltre ad avermi ingannato, mi avevano accoppata vigliaccamente a sangue freddo. E così agitai nuovamente le mie ali con un movimento talmente veloce che in un battibaleno raggiunsi i miei assassini, i quali al mio arrivo si voltarono terrorizzati guardandomi in faccia. Svolazzai per un po’ attorno a loro, poi con una curva a spirale mi gettai ad una velocità impressionante sui loro atterriti corpi riducendoli in un solo attimo a polpette. Poi, dopo un piccolo indugio passai ancora in volo sopra l’uno e l’altro corpo, dopodiché agitai nuovamente le ali, mi innalzai in una grande spirale e con movimento leggermente serpeggiante e sinuoso mi diressi verso il vicino cimitero. Era già passato un mese dal mio prematuro decesso. Stavo diventando sempre più piccola, fino a quando raggiunsi la normale grandezza di una comune farfalla. Prima di cadere esamine sulla mia tomba, per l’ultima volta sbattei le ali che a poco a poco avevano perso ogni lucentezza e colore. Si sa, le farfalle sono molto delicate, hanno una vita breve e la loro bellezza svanisce alla loro morte. Di me, come farfalla, rimase solo un mucchietto di particelle scintillanti da cui il mistero della mia animalesca metamorfosi era purtroppo svanito per sempre.

Catrovacer Gemma

Anonimo - inviato in data 12/03/2014 alle ore 14.55.15 - Questo post ha 5 commenti

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
COMMENTI
- Prologo ecc. - da Anonimo - inviato in data 13/03/2014 alle ore 12.38.49
Tutto bello questo racconto dall'inizio alla fine. Sei proprio meritevole di consenso e lode. Porta avanti la tua arte, persisti senza farti condizionare.
Ciao.
El Chapo


---------------------------------------
- Cavolo! - da Anonimo - inviato in data 12/03/2014 alle ore 22.43.28
E questa sarebbe una che scrive frasi senza capo ne coda?
A me fa ridere chi l'ha contestata ( Franco della Mirandola), e caso mai all'agricoltura dovrebbe darsi lui!
Brava, brava, brava Catrovacer!
Il tuo scritto è un piccolo capolavoro! Complimenti a lei.

Fra Pé



---------------------------------------
- ottimo - da Anonimo - inviato in data 12/03/2014 alle ore 22.00.19
racconto esemplare nella sua scrittura !!

brava

Luciferiense


---------------------------------------
- fidarsi � bene ma - da Anonimo - inviato in data 12/03/2014 alle ore 19.39.44
Ottimo racconto frutto di brillante fantasia. Meriti di andare avanti.

Masterpiece.


---------------------------------------
- di bene in meglio - da Anonimo - inviato in data 12/03/2014 alle ore 17.46.49
Avevo già detto bene del racconto dicendo che era originale e ora col prologo e il nuovo e fantasioso finale è migliorato - Sotgiu -

---------------------------------------
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it