Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
lunedì 4 marzo 2024  
  Altopascio e Montecarlo Attualità Attualità & Humor Auto e Motori Bon Appetit C.N.A. Capannori - Porcari Comunicati Stampa Cultura Cultura & dintorni Degrado lucchese Elezioni 2022 Garfagnana La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa  
  Lucca Curiosa Manifattura tabacchi Mediavalle - Val di Lima Mondo animale Necrologi Pescia - Villa Basilica Politica Politica Lucchese Racconti Lucchesi Salute Satira Società Spettacolo Sport Venti di guerra a oriente VERSILIA  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
La gente che si lamenta della movida

Questo blog si sta trasformando in una vetrina per lamentele di gente che vorrebbe proibire ogni cosa diversa da quello che Lucca fosse mezzo secolo fa.

Sia chiaro, la filosofia del Signor Cristofani, che NESSUNO debba venir censurato purché non scriva niente di offensivo, è la migliore, e quest'uomo straordinario le tiene fedeltà andando contro ogni rischio.

Però sta un po''stufando, questa storia.

Rilasciare la nostra parte più caotica ed animalesca fa bene alla salute, fisica e mentale, e con le discoteche che costano sempre di più, e che ti fanno ottomila tamponi, la gente sempre più si rivolgerà alle strade. Gli umani sono anche animali e hanno bisogno di una manciata di ore alla settimana dove comportarsi come tali.

Mi dispiace per coloro che non lo capiscono, perché comprendo le loro lamentele, sia tecniche, rumore e sporcizia, sia filosofiche, poiché domare l'animale è indispensabile per essere umano in modo totale.

Ma a costoro sfugge la necessità dell'equilibrio. Una manciata di ore, due notti a settimana, occorre far emerge il lato moralmente innocuo dell'animale, perché senza nulla di animale diverremmo dei robot.

Non finirà mai. Anzi crescerà. La movida non può essere fermata perché finalmente abbiamo trovato qualcosa che ci fa sfogare a pieno, e questa cosa è come una meditazione, fa stare bene senza nessun bisogno di fare o comprare cose, perché non è l'ubriachezza il punto, il punto è la totale assenza di limiti e regole, eccetto ovviamente il buon cuore per evitare violenza contro animali, cose, persone, quello non c'entra con la movida perché il limite tra Bene e Male non fa sfogare varcarlo, fa marcire l'anima.

Ma ogni altro limite di quando in quando va abbattuto. E avverrà. Quindi vi consiglio di iniziare a cercare di capire i perché storici e sociologici. Tanto le offese e i commenti piccati di chi non ci capisce non ci fermeranno.

Anonimo - inviato in data 07/06/2021 alle ore 20.03.10 - Questo post ha 14 commenti

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
COMMENTI
- @stop - da Anonimo - inviato in data 15/06/2021 alle ore 19.33.56
La naturalità è molto pura me è parziale. L'uomo ha anche la spinta a distruggere il proprio carattere tramite esperienze estreme. I riti orgiastici, di cui fu erede prima il Saturnalia, poi il Carnevale, ora la movida, rispondono a questa spinta, all'abbandono di se stessi, al caos, allo shock.

Non c'entra nulla col consumismo.


---------------------------------------
- .. - da Anonimo - inviato in data 14/06/2021 alle ore 18.54.29
vi fa cosi schifo l'ossigeno e l'acqua e la semplicita?

e allora buona vita da uomini macchina consumatori!

STOP


---------------------------------------
- @autodistruggersi con sostanze nocive - da Anonimo - inviato in data 10/06/2021 alle ore 20.33.51
La vita ha tre scopi.

Divertirsi.

Lasciare insegnamenti in eredità ai posteri.

Superare la paura della morte.

Vivere in salute rifiutando il consumismo è bene ma non è abbastanza. Anche l'eccesso, adeguatamente domato, allarga i confini della mappa. Non è autodistruzione, ma abbandono della mente per accedere ad una dimensione psicologica più vasta, più inconscia.

Tutto ciò che lei disprezza, urbiachezza, casino, grida, lei lo vede come se fossimo inconsapevoli compratori di un Mercato Globale che ci stordisce con Panem&Circenses, io lo vedo come una replica dei Misteri Greci dove si accedeva a stati alterati della mente con sostanze psicoattive, danze frenetiche, ed orge. Comunque non serve alcool o tabacco, basta la voglia di buttarsi nel mucchio, non serve di essere ubriaco se sai far finta di esserlo da sobrio, e comunque due birrette al supermercato non costano nulla.


---------------------------------------
- .. - da Anonimo - inviato in data 08/06/2021 alle ore 6.33.56
avete concetti distorti dei principi e non ve ne rendete conto..
usate etichette x tutto e non vi lamentate..
vi hanno privato di ogni libertà x paura dell'invisibile e inconsistente ma continuate a credere obbedientemente..

divertirsi significa autodistruggersi con sostanze nocive...urlare e fare casino...mentre le multinazionali di alcool e tabacco speculano su di voi...

e poi se qualcuno dice qualcosa diverso dal gregge..tutti razzisti..

mi dispiace per voi solo perche sono umano


---------------------------------------
- ANIMALI NOTTURNI - da Anonimo - inviato in data 08/06/2021 alle ore 1.02.42
Ho girato la notte per almeno una ventina d'anni, almeno due notti a settimana. Non mi sono mai sentito un animale. Mi sono divertito come un essere umano!!

---------------------------------------
- MUMERO UNO A LUCCA - da Anonimo - inviato in data 07/06/2021 alle ore 22.11.04
sei un MITO , sei persona da RISPETTARE in quanto non asservita a nessuno ed hai uno stile sobrio ed educato , un signore davvero in questo mondo di esibizionisti dai titoloni acchiappa audience dove va di moda offendere gli altri e esibire magari le denunzie come orgogliosi distintivi sul petto.

questa e''la VOCE DI LUCCA che seguo da anni ed anni penso dai primi anni cui è uscita in web non ricordo nemmeno quando..

grande !!

un ammiratore del web , a volte invio anche io cose serie e meno serie !



fab


---------------------------------------
- @Cristofani - da Anonimo - inviato in data 07/06/2021 alle ore 21.48.40
Rilegga ciò che lei ha scritto, la maturità, il porgere la mano ad entrambi gli schieramenti con amichevolezza e un gentilezza che ha del maestoso, e poi si chieda perché l'ho definita un uomo straordinario. In un mondo dove la gente sa solo urlare, lei parla, a volte appena bisbiglia, eppure la maturità delle sue posizioni rimbomba come un tuono.

A me spiace sempre di suscitare vespai, il mio campo di studi è la psicologia anche se sono ossessionato dalla sociologia, e leggo la società più come un insieme di pressioni che non di singole problematiche.

Su una cosa ha ragione, potremmo e dovremmo far più piano, ammetto che secondo me quella strana insolenza di certi giovani di oggi racconta un disagio esistenziale, e io ammetto onestamente e con imbarazzo che sebbene io non la avalli, credo che sia una sorta di passaggio obbligato, come un sottoprodotto di scarto, un manometro di quello che sbagliamo come società.

Io sono palesemente anarchico, perché credo che la violenza possa nascondersi in tutto, soprattutto nell'esercizio del potere, e preferisco un pacifismo scelto non per rifiuto filosofico della violenza, adoro i temporali, il vento forte, i grandi predatori, pacifismo scelto per rifiuto filosofico di USARE A SPROPOSITO la violenza, e per me far TROPPO casino con la movida è un atto di violenza, quasi classista, giovani che si credono fighi contro chiunque altro, e lo disapprovo, ma disapprovo di più chi cerca di fermarli, perché la società è ad un punto morto, di autodistruzione, dove rinascerà dalle ceneri solo se ridicolizziamo la tendenza ad assomigliare, e ce l'abbiamo tutti, ad un ricco perbenista che se la tira.

L'animalità è da me percepita come una soluzione non violenta, e NON VIOLENTA DEVE RIMANERE, a questo problema. Io sono tutt'altro che ricco ma vivo benissimo, ho una casettina e una moglie così bella che se non fosse fedelissima dovrei preoccuparmi ogni volta che va in viaggio di lavoro. Coltivo la meditazione e lo studio delle religioni da quasi venticinque anni ormai, sono sano come un pesce, e ho la fedina penale immacolata. Eppure sono totalmente anticonsumista. Da tempo mi chiedo come demolire pacificamente una società troppo materialista, e credo che la movida possa funzionare, insegnando alla gente a spogliarsi di se stesso.

In più mi diverte.
ps la foto è divina. Rappresenta ESATTAMENTE ciò che la movida dovrebbe essere secondo me.


---------------------------------------
- @la gente fa bene - da Anonimo - inviato in data 07/06/2021 alle ore 21.36.20
Lamentarsi è un diritto, e come ho specificato comprendo le motivazioni delle lamentele, l'ho scritto bene bene e chiaramente. Dico solo che la movida risponde ad una pressione sociale e nulla mai la fermerà. Casomai si potrebbe indagare come mai io so moderarmi e molti giovani no. Però in sé niente la fermerà.

---------------------------------------
- @cinghialoni - da Anonimo - inviato in data 07/06/2021 alle ore 21.34.07
Questa risposta è rivolta a tutti ma faccio riferimento all'incidente da lei indicato, perché chiarisce dei punti.

Ciò che lei ha indicato è un'azione di natura criminosa. Io ho in più passaggi specificato che il comportamento di cui parlo non deve trasecolare!!!

Si può far casino anche senza litigare, offendere e vandalizzare, e io ne sono sicuro. Non separi le singole parole dal contesto, per favore! O ciò che ho detto parrà barbarico. Io NON e lo ripeto NON sono a favore di NULLA di antisociale. L'ho pure specificato, di non causare danni ad animali, cose e persone!!!

Dico anzi, e dovrei dire piuttosto DICO APPUNTO, che la gente deve imparare a separare l'animale innocuo da quello che NOI CREDIAMO essere animalesco e invece è solo antisociale. Rabbia, violenza, insolenza, NON sono l'animale. Sono il male, che ho specificato essere il punto da NON superare.

L'animale vuole solo bere, ridere senza doversi sempre preoccupare di abbassare la voce, magari rimpiattarsi sulle Mura per pomiciare, ed è dai tempi del Carnevale che questo lascia a terra la mattina dopo un bel po''di sporcizia. Ma finisce lì. Non parlo di crimini. Facciamo attenzione. NON sono la stessa cosa!!!

Spero di aver chiarito...


---------------------------------------
- un uomo straordinario... - da Anonimo - inviato in data 07/06/2021 alle ore 21.17.29
mi fa un po''sorridere essere descritto così. Non l'ho tolto proprio perché non metto mai penna in quello che scrivete (se l'autore avesse scritto che ero un idiota avrei lasciato tutto intatto) . Ma non mi si addice. Per niente.
Comunque, se spesso pubblico le proteste contro la movida è solo perché nessuno ne parla in favore, come ha fatto Lei con questo post. Di solito ai post contro la movida si scatenano sempre e solo commenti. Commenti pieni di insulti. Se invece di scrivere questi insulti scrivessero come ha fatto lei spiegando le ragioni, giuste o sbagliate che siano, pro-movida forse la discussione sarebbe più costruttiva.
Ho messo la foto a corredo dell'articolo per un motivo preciso. E''la foto della trasgressione, anni 50 - 60. E c'era! Azz.. se c'era!
Molti di coloro che oggi si lamentano della movida, forse dimenticano la loro movida degli anni 50 - 60 - 70 , che poi era anche la mia. Non eravamo degli stinchi di santo neanche noi avevamo i nostri rituali , spesso incoffessabili, e ci piaceva bere e ci piacevano le ragazze (anche se all'epoca in giro la sera non ce n'era neanche una per sbaglio. Quante bevute fuori ordinanza, quante partite a pallone nelle piazzette fra urli e schiamazzi di notte e gente che ci urlava dalle finestre. Insomma anche noi abbiamo fatto le nostre. E molti di quelli esagitati probabilmente sono fra chi si lamenta oggi per la mancanza di sonno.
E''inutile lamentarsi. Non c'è niente di nuovo sotto il sole. Noi facevamo casino ma lo facevamo più piano per il resto era tutto come oggi.
Basta ricordarle le cose se si vuole e probabilmente vedremo con occhi più benevoli questi giovani ammassati (ma meglio che a casa dietro un pc) nelle piazze. Senza superare i limiti estremi della educazione.
C.Cristofani


---------------------------------------
- La gente fa bene - da Anonimo - inviato in data 07/06/2021 alle ore 21.13.35
A lamentarsi.
Ne ha diritto.
C
Vorrà mica impedirlo?


---------------------------------------
- Rilasciare la nostra parte.... - da Anonimo - inviato in data 07/06/2021 alle ore 20.54.34
'Rilasciare la nostra parte più caotica ed animalesca fa bene alla salute'...
e non metto artro perché 'L'esatta dinamica del drammatico sinistro è al vaglio della Polizia'.

Il Tirreno 07 giugno 2021 'Controllori offesi e insultati da chi non paga il biglietto''(...)

Semmai la SUA.
Non gliii resta che anda'''n mezzo a 'n campo a fa delle buche come i cinghialoni,
magna''quel che trova, poi faccela drento,
ma dopo mi raccomando,
SUL MIO tornate umani a ritappalle palle palle, e se proprio vol fa l'animale fin all'urtimo,
copritele come fan iggatti, da bravi educati animali.
Dipendesse da me farei il pelo e crontopelo,
all'ANIMALE!
oink! oink!


---------------------------------------
- ...fermo restando... - da Anonimo - inviato in data 07/06/2021 alle ore 20.54.22
che il rispetto per chi abita in certe zone e la buona educazione devono essere dei punti fermi. Le regole in un mondo civile ci devono essere e quando non si rispettano almeno le critiche ( perché controlli e multe non vengono fatti ) si accettano. Rispetto ed educazione

---------------------------------------
- ...fermo restando... - da Anonimo - inviato in data 07/06/2021 alle ore 20.54.15
che il rispetto per chi abita in certe zone e la buona educazione devono essere dei punti fermi. Le regole in un mondo civile ci devono essere e quando non si rispettano almeno le critiche ( perché controlli e multe non vengono fatti ) si accettano. Rispetto ed educazione

---------------------------------------
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it