Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
lunedì 22 aprile 2024  
  Altopascio e Montecarlo Attualità Attualità & Humor Auto e Motori Bon Appetit C.N.A. Capannori - Porcari Comunicati Stampa Cultura Cultura & dintorni Degrado lucchese Elezioni 2022 Garfagnana La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa  
  Lucca Curiosa Manifattura tabacchi Mediavalle - Val di Lima Mondo animale Necrologi Pescia - Villa Basilica Politica Politica Lucchese Racconti Lucchesi Salute Satira Società Spettacolo Sport Venti di guerra a oriente VERSILIA  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
Energia pulita dai fanghi del depuratore di Casa del Lupo

Pnrr, la Piana presenta un progetto per un impianto di biodigestione da 7,8 milioni


Un impianto innovativo per trasformare i fanghi di acque reflue in biogas attraverso il processo di digestione anaerobica. Un progetto sostenibile, che punta a rendere il depuratore comprensoriale di Casa del Lupo a Porcari un esempio virtuoso di economia circolare e che risponde alle esigenze, quanto mai attuali, di una maggiore indipendenza energetica del territorio.

È questa l'infrastruttura attenta all'ambiente per la quale il Comune di Porcari insieme ai Comuni di Altopascio, Capannori e Montecarlo, su delega dell'Autorità idrica toscana e dei soci di Aquapur Multiservizi Spa, ha presentato una domanda di contributo da 7 milioni e 843mila euro nell'ambito del Piano nazionale di ripresa e resilienza.

“Una sfida – ha evidenziato il sindaco, Leonardo Fornaciari – che ha visto lavorare con grande determinazione le donne e gli uomini degli uffici comunali, che voglio oggi ringraziare per la competenza e per lo spirito di squadra dimostrati, così come i referenti di Aquapur e i soci privati. Le opportunità del Pnrr, per essere intercettate, richiedono anche tanta preparazione e persone motivate”.

Il processo di digestione anaerobica a umido è un processo biologico di degradazione del substrato organico presente nei reflui di depurazione. In assenza di ossigeno, alla costante temperatura di 37 gradi centigradi, si ottiene fango stabilizzato, cioè non maleodorante, e si forma gas biometano.

Il progetto inoltrato al ministero prevede, nello specifico, la realizzazione di due digestori anaerobici, con un volume di reazione di circa 3300 metri cubi ciascuno, equipaggiati con un sistema di miscelazione e con un circuito per il riscaldamento dei fanghi. La temperatura costante necessaria sarà garantita dalla realizzazione di scambiatori di calore acqua/fango. L’energia termica, ovvero il calore per riscaldare i fanghi, e quella elettrica saranno assicurate dal biogas generato. Un’eventuale sovrapproduzione potrà quindi essere stoccata nel previsto gasometro da 600 metri cubi e, in parte, immessa direttamente in rete e venduta.

Si stima che l'intervento ridurrà del 35 per cento la quantità di fango da smaltire, pari a circa 4500 tonnellate l'anno. Questo significa che anche il trasporto su gomma sarà ridimensionato, con ben 150 tir in meno che circoleranno in un anno e i conseguenti benefici, sia in termini di risparmio sia di maggior tutela della qualità dell'aria. I due digestori anaerobici, inoltre, riducendo la movimentazione di fanghi non digeriti, contribuiranno in maniera significativa alla riduzione dei cattivi odori.

Commentano il sindaco di Porcari, Leonardo Fornaciari, gli assessori all'ambiente di Altopascio e di Capannori, Daniel Toci e Giordano Del Chiaro, e il sindaco di Montecarlo, Federico Carrara: “La realizzazione di questo progetto renderà più efficiente il depuratore di Casa del Lupo, importante opera pubblica a servizio della Piana e del suo sistema produttivo. Le tecnologie hanno fatto passi da gigante e offrono soluzioni concrete alle politiche di economia circolare che le nostre amministrazioni perseguono. I nuovi digestori produrranno biogas, utile sia per coprire il fabbisogno di energia elettrica degli impianti, sia per essere messo in rete: questo aspetto è particolarmente significativo perché la biodigestione, in un momento di crisi energetica come quella attuale, rappresenta un esempio di produzione di energia pulita a livello locale”.

Redazione - inviato in data 29/03/2022 alle ore 18.50.29 - Questo post ha 2 commenti

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
COMMENTI
- Terribile dirlo, ma..... - da Anonimo - inviato in data 30/03/2022 alle ore 3.45.53
.....Ma solo una guerra sarebbe riuscita a ficcare nel cranio degli italiani che si deve produrre energia con quel che abbiamo. Non ci si illuda però. I vari comitati sono sempre pronti all'azione. Finché non saranno demoliti i comitati nocivi ed antidemocratici la commedia continuerà.

---------------------------------------
- Ma... - da Anonimo - inviato in data 29/03/2022 alle ore 20.51.16
Che sia la fame che leva il lupo dal bosco?
Almeno a volte la fame ha risvolti positivi.


---------------------------------------
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it