Home
Prima pagina
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
domenica 21 luglio 2024  
  Altopascio e Montecarlo Attualità Attualità & Humor Auto e Motori Bon Appetit C.N.A. Capannori - Porcari Comunicati Stampa Cultura Cultura & dintorni Degrado lucchese Elezioni 2022 Garfagnana La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa  
  Lucca Curiosa Manifattura tabacchi Mediavalle - Val di Lima Mondo animale Necrologi Pescia - Villa Basilica Politica Politica Lucchese Racconti Lucchesi Salute Satira Società Spettacolo Sport Venti di guerra a oriente VERSILIA  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
Casapound «Né Russia né Nato: tornare potenza»

Roma, 9 mag — «Né Russia né Nato: tornare potenza» recitano così le centinaia di striscioni, affissi nelle principali città italiane dai militanti di CasaPound Italia per ribadire la necessità di uscire da un sistema contrario agli interessi italiani e europei.
«L’Italia ha il potenziale per tornare ad essere una potenza e guidare una rinascita europea, che può avvenire soltanto tornando a pensarci come nazioni europee in grado di decidere e plasmare un proprio destino economico, politico e culturale» afferma CasaPound Italia in una nota diffusa sui social. Il movimento denuncia le contraddizioni e il fallimento di un sistema di sicurezza strategica europeo. La Nato, dal canto suo, è «in avanzata solo geograficamente», sulle rive del Mar Nero, dimostrando di saper solo arrancare verso «specifici obiettivi geopolitici che nulla hanno a che vedere con le naturali ed indispensabili strategie d’azione globale per la nostra Nazione e per l’Europa».
CasaPound: “Né Russia né Nato”
I due meccanismi d’occupazione politico-militare, «sorti sulle ceneri delle nazioni europee, non hanno mai assolto alla funzione di difesa per la quale da settanta anni vengono presentati, finanziati e supportati dalle governance continentali». Entrambi i blocchi «esistono per compensazione, l’uno a giustificazione dell’altro, entrambi occupati ad inficiare qualsiasi posizione terza che possa mettere in discussione la loro egemonia bilanciata».
Ma un sistema oppressivo — soprattutto «oggi che la guerra in Europa ci impone di ripensare con decisione alla nostra autodeterminazione strategica» — «non ne giustifica mai un altro», prosegue CasaPound Italia, e «l’intollerabile assuefazione dei popoli dell’Europa occidentale rispetto alla dominazione della Nato non può in alcun modo essere interpretato come una predisposizione all’essere luogo in cui installare o ristrutturare analoghi meccanismi d’occupazione».
L’Italia torni potenza
L’Italia , proseguono le Tartarughe frecciate, «è terra di civiltà e di diplomazia da sempre. È stata la quarta potenza mondiale e oggi è ancora l’ottava nazione per Prodotto Interno Lordo». Abbiamo ancora la capacità di riguadagnare dignità «nel campo geopolitico nella necessità di riequilibrare i rapporti attuali con Francia e soprattutto Germania che, seppur hanno classi dirigenti capaci di avere una visione europea, spesso lo fanno a discapito dell’Italia per gestire i loro interessi particolari». L’Italia deve porsi a guida di interessi condivisi, ma perché ciò avvenga «deve avvenire una rivoluzione nell’attuale classe dirigente per tornare Potenza e contare di più in Europa e nel Mondo».
Onore a chi versa il proprio sangue
CasaPound termina la nota rendendo onore a tutti quei giovani Europei che in queste settimane hanno versato il proprio sangue fino «all’estremo sacrificio, non solo per difendere la propria terra, la propria patria e i propri figli. Ma per dimostrarci che proprio nell’ora più buia non si può rinunciare a comportarsi da uomini ritti in piedi tra le macerie». Il destino dell’Europa deve fondarsi sul loro esempio e sacrificio e se «alla fine è sempre un plotone di soldati a salvare la civiltà», oggi è arrivato il momento in cui la Civiltà europea deve rimettersi in marcia per ritrovarsi libera, forte ed indipendente a compiere la
sua opera storica dopo «il rude e sanguinoso tirocinio delle trincee».


PRIMATO NAZIONALE

Anonimo - inviato in data 12/05/2022 alle ore 19.05.58 - Questo post ha 1 commenti

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
 
COMMENTI
- L'ALTRA VOLTA... - da Anonimo - inviato in data 13/05/2022 alle ore 1.16.33
L'altra volta in cui abbiamo cercato di diventare una potenza, circa 85 anni fa, ci siamo scelti il compagnuccio (o meglio il cameratuccio) sbagliato ed è finita molto male. Oggi, mentre cerchiamo di ridiventare, se non una potenza, almeno qualcosa, stiamo attenti alle compagnie negative. Essenziale è aiutare l'Ucraina in ogni modo. Poi si vedrà.

---------------------------------------
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
 
 
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it