Home
 
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
lunedì 30 gennaio 2023  
  Altopascio e Montecarlo Attualità Attualità & Humor Auto e Motori Bon Appetit C.N.A. Capannori - Porcari Comunicati Stampa Cultura Cultura & dintorni Degrado lucchese Elezioni 2022 Garfagnana La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa  
  Lucca Curiosa Manifattura tabacchi Mediavalle - Val di Lima Mondo animale Necrologi Pescia - Villa Basilica Politica Politica Lucchese Racconti Lucchesi Salute Satira Società Spettacolo Sport Venti di guerra a oriente VERSILIA  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
La Chiesa comincia a risarcire vittime dei preti pedofili


In Francia i risarcimenti per le vittime di violenza sessuale da parte del clero verranno finanziati anche con la vendita dei beni immobiliari della Chiesa. Dal 1950 a oggi, sarebbero almeno 330 mila le persone che hanno subìto abusi in contesti ecclesiastici

Anonimo - inviato in data 09/11/2021 alle ore 12.50.50 - Questo post ha 2 commenti

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
         
COMMENTI
- Chiesa e pedofilia - da Anonimo - inviato in data 09/11/2021 alle ore 13.06.10
Chiesa e pedofilia
Questo articolo vuole strudiare il rapporto fra Chiesa e pedofilia; i casi di pedofilia nella Chiesa cattolica non devono essere usati né come forma di denigrazione per una religione che non viene approvata né come forma di contenimento del potere di un’organizzazione. Devono essere letti per quelli che sono: la riprova che la Chiesa non ha nessun diritto a ergersi a dispensatrice della morale; in altri termini, come è spiegato in questo video, un uomo moderno e positivo non ha bisogno del papa per trovare la sua strada.

Il rapporto CIASE in Francia (2021)
Indagine choc in Francia (dati del Ciase, commissione indipendente istituita nel 2018 dalla Chiesa cattolica francese): fra il 1950 e il 2000, da 2.900 a 3.200 sacerdoti (fra il 2,5 e il 2,8[[[]]%[]] dei sacerdoti, in accordo con i dati trovati nel prosieguo dell’articolo) sono stati certamente responsabili di violenze sessuali su minori o adulti vulnerabili. Le vittime sono state 216.000. Secondo il capo della commissione, Jean-Marc Sauvé, il numero delle vittime sale a “330.000 se si aggiungono gli aggressori laici che operano nelle istituzioni della Chiesa cattolica” (cappellane, insegnanti nelle scuole cattoliche, movimenti giovanili); secondo Sauvé, i dati sono una stima “minima”. Il papa dice che è il momento della vergogna, ma non vuole ammettere che le cose non cambieranno mai in un insieme di persone che sceglie comportamenti sessuali (castità e inibizioni) contro natura.

Morale: quale genitore responsabile manderebbe i suoi figli al catechismo?

Chiesa e pedofilia – Un po’ di storia
Infatti, i dati mostrano che non si tratta di casi isolati, come ha sempre cercato di far credere la Chiesa cattolica, ma di un tratto comune a tutte le nazioni dove è ben presente la religione cattolica.

Australia

Fino al 2009 in Australia si registrano 107 casi di condanne di sacerdoti o religiosi (nel 2005 c’erano in Australia poco più di 3.000 sacerdoti) per abusi sessuali su minori, ma secondo i gruppi di supporto le vittime si contano a migliaia e solo dopo le prime condanne stanno uscendo allo scoperto.

I genitori di due bambine ripetutamente violentate da un sacerdote di Melbourne, Kenin O’Donnell, accusano il cardinale George Pell di aver insabbiato l’inchiesta contro padre O’Donnell, riconosciuto responsabile delle violenze sulle loro due figlie, commesse tra il 1988 e il 1993.

Nel giugno del 2017 il cardinale George Pell è stato ufficialmente incriminato per pedofilia. A dicembre è stato condannato per abusi avvenuti nella cattedrale di St. Patrick a Melbourne negli anni ’90.

Austria

Partiamo con questo Paese a seguito della dichiarazione del portavoce della Santa Sede, padre Lombardi (marzo 2010): “in Austria sono 17 i casi di pedofilia che riguardano la Chiesa, ma ben 510 quelli al di fuori; quindi si deve prestare attenzione anche al di fuori della Chiesa e non puntare i riflettori solo su di essa”.

Purtroppo la “statistica” di padre Lombardi ha convinto molti cattolici dotati di scarso spirito critico a ritenere che “tutto sommato, che ci siano preti pedofili è normale”. In realtà l’affermazione del portavoce vaticano è un boomerang pazzesco.

I dati austriaci rilevano che su 32 pedofili uno è un prete. Cioè circa il 3,12[[[]]%[]] della popolazione pedofila è rappresentato da sacerdoti.

In Austria ci sono 0,31 sacerdoti ogni 1.000 abitanti, cioè circa lo 0,062[[[]]%[]] della popolazione maschile. Non è difficile concludere che:

un prete ha 50 possibilità in più di essere pedofilo che un comune cittadino.

Si noti che fra i comuni cittadini sono compresi anche assassini, ladri, prostitute, evasori fiscali e chiunque abbia commesso un reato.

50 (3,12 diviso per 0,062) non è un numerino e padre Lombardi avrebbe dovuto sotterrarsi dalla vergogna invece di presentarsi alle telecamere; e i papi dovrebbero evitare di parlare di relativismo morale di chi cattolico non è.

Il dato austriaco è confermato anche dai dati di altre nazioni. Per esempio, nella popolazione statunitense il numero di accuse per pedofilia è di 1 caso ogni 2.000 abitanti. Quindi per la popolazione laica, lo 0,05[[[]]%[]] è coinvolta in denunce per pedofilia contro il 4[[[]]%[]] indicato dal rapporto Jay (vedi oltre).

Belgio

In Belgio una commissione di indagine ha redatto un rapporto dal quale risultano almeno 475 casi di abusi sessuali compiuti su bambini da membri del clero; abusi in seguito ai quali vi sono stati 18 suicidi da parte delle vittime. Nell’aprile del 2010 il vescovo di Bruges, Roger Joseph Vangheluwe è stato costretto alle dimissioni per abusi sessuali nei confronti del proprio nipote.

Brasile

In Brasile circa 1.700 preti (10[[[]]%[]] del totale) sono stati coinvolti in casi di cattiva condotta sessuale tra cui violenze e abusi sui minori.

Canada

Nel 2009 ad Antigonish sono venuti alla luce casi di abusi sessuali su alcune dozzine di persone negli anni 1950; ironia della sorte volle che il vescovo Lahey, dopo aver accettato di pagare un risarcimento di 15 milioni di dollari canadesi, fosse poi colpito da mandato d’arresto per possesso di materiale pedopornografico.

Città del Vaticano

L’11 luglio 2015 per la prima volta nella storia della Chiesa si tenne un processo canonico per casi di pedofilia con imputato, fra gli altri, l’arcivescovo Józef Weso&[#]322;owski (già dimesso allo stato laicale nel 2014) che però morirà prima del giudizio.

Nel 2019 è stata inferta dalla Congregazione per la Dottrina della fede la pena della dimissione dallo stato clericale al cardinale statunitense Theodore McCarrick. L’arcivescovo emerito di Washington è stato dichiarato colpevole dalla Santa Sede di “sollecitazione in confessione e violazioni del sesto comandamento del decalogo con minori e adulti, con l’aggravante dell’abuso di potere”.

Francia

Nel 2000, René Bissey, un sacerdote pedofilo è stato condannato per vari abusi sessuali su minori compiuti tra il 1989 e il 1996.

Nell’ottobre del 2010 il giornale l’Osservatore Romano riferiva: “In Francia su oltre 19.000 sacerdoti in servizio pastorale, sono nove i preti in carcere per atti di pedofilia, mentre altri cinquantuno casi sono attualmente all’esame della giustizia”… “I dati sono contenuti in un’indagine condotta l’estate scorsa dalla Conferenza episcopale francese in tutte le diocesi del Paese. Da questa inchiesta emerge anche che sono quarantacinque i preti che hanno già scontato pene legate a questi orribili delitti”. Sono stati 51 i sacerdoti accusati nel 2010 per reati di pedofilia, 9 sono quelli in prigione e 45 coloro che hanno scontato la pena. Circa un centinaio di sacerdoti su un totale di 19.640 preti presenti in Francia (in base a statistiche effettuate nel 2008).

Gran Bretagna

Risalgono al 1997 le prime cause: oltre 240 che riguardano, oltre che abusi sessuali, anche violenze fisiche e morali in orfanotrofi.

Irlanda

Risale al 1994 il primo scandalo con la condanna di Brendan Smith: durante il processo furono accertati a suo carico 74 casi di abusi su minore.

Nel 2006 la Bbc mandò in onda uno speciale (Sex crimes and the Vatican) in cui si raccontavano gli abusi subiti da un centinaio di bambini a opera di 26 sacerdoti irlandesi.

Nel 2009 la Child Abuse Commission, la commissione istituita dall’allora primo ministro irlandese Bertie Ahern, concluse i suoi lavori dopo nove anni di inchieste e presentò un dossier con le testimonianze di 2.500 vittime di violenze, avvenute tra gli anni ’40 e gli anni ’80, negli istituti gestiti da preti e suore in Irlanda.

Nel marzo del 2010 l’allora papa Benedetto XVI ha pubblicato una lettera pastorale, rivolta ai cattolici irlandesi, nella quale scrive di “condividere lo sgomento e il senso di tradimento [[[]]…[]] sperimentato al venire a conoscenza di questi atti peccaminosi e criminali e del modo in cui le autorità della Chiesa in Irlanda li hanno affrontati”.

Il 20 febbraio 2011, monsignor Diarmuid Martin, arcivescovo di Dublino, e Sean Patrick O’Malley, cardinale, visitatore apostolico nominato dal Papa, hanno pubblicamente chiesto il perdono da parte di tutte le vittime di abusi.

Italia

In Italia il diffuso spirito religioso ha sempre annebbiato la coscienza statistica della popolazione, riportando i casi di abusi a errori del singolo, a casi isolati. In realtà, negli ultimi anni sono una trentina i religiosi condannati; nel nostro Paese fecero scalpore i casi Puleo, Govoni, Cantini e Inzoll, spesso senza arrivare a una verità completa e decisiva.

Tra i casi più clamorosi il caso Bertagna; Pierangelo Bertagna (ex abate di Farneta, nel comune di Cortona in provincia di Arezzo), che fu arrestato nel 2005, ha confessato in seguito di avere abusato di 38 bambini.

Paesi Bassi (Olanda)

Nel 2010, il cardinale Adrianus Simonis aveva affermato che la Chiesa cattolica olandese non aveva saputo niente dei casi di abuso su minori, ma nel febbraio del 2011 è stato accusato per la copertura di un prete pedofilo nel periodo in cui era arcivescovo; il prete fu spostato in un’altra parrocchia nella quale, secondo i dati forniti dalla polizia, vi sono state sei denunce per abusi sessuali perpetrati nel periodo 1987-2008.

Spagna

In una dichiarazione al settimanale cattolico Vida Nueva (giugno 2009) il cardinale Claudio Hummes, Prefetto della Congregazione per il Clero, ha dichiarato al settimanale cattolico spagnolo che “i casi di pedofilia a volte non arrivano nemmeno al 4[[[]]%[]] dei sacerdoti”, correggendo una sua precedente dichiarazione (gennaio 2008 all’Osservatore Romano), in cui dichiarava che tra i sacerdoti “neppure l’1[[[]]%[]] ha a che fare con problemi di condotta morale e sessuale”.

Stati Uniti

Le prime notizie sui casi di pedofilia risalgono agli anni ’90 quando le pressioni dei media costrinsero la Chiesa a istituire una commissione indipendente retta dal governatore dell’Oklahoma, F. Keating, che però abbandonò l’incarico denunciando forti pressioni da parte della Chiesa.

Nel 2002 il Boston Globe denunciò i primi scandali nell’arcidiocesi di Boston dove più di 200 sacerdoti (su circa 1.500) furono accusati di abusi sessuali.

Sempre il Boston Globe nel 2004 pubblicò un aggiornamento della situazione con il coinvolgimento di dieci Stati.

Il rapporto (2004) commissionato dai vescovi americani allo studio legale John Jay evidenziò che dal 1950 al 2002 4.392 sacerdoti americani (su oltre 109.000, circa il 4[[[]]%[]]) sono stati accusati di relazioni sessuali con minorenni (sia casi di pedofilia sia casi di rapporti sessuali con adolescenti; l’81[[[]]%[]] dei casi riguarda bambini o adolescenti di sesso maschile): il 50,9[[[]]%[]] delle vittime aveva un’età compresa tra gli 11 e i 14 anni, 27,3[[[]]%[]] tra i 15 anni e i 17, il 16[[[]]%[]] tra gli 8 e i 10 anni e circa il 6[[[]]%[]] sotto i 7 anni.

Nel 2007 fu la volta dell’arcidiocesi di Los Angeles, con 508 vittime e 113 preti coinvolti, arrivando a un accordo extragiudiziario che prevedeva un risarcimento della cifra record di 774 milioni di dollari.

Secondo una stima (2007) di Andrew Greeley, sacerdote dell’arcidiocesi di Chicago e professore di sociologia alle Università di Chicago e dell’Arizona, dal 1950 al 2002, da 2.000 a 4.000 preti avrebbero abusato di 100.000 minori, spesso senza che alcun provvedimento venisse preso al riguardo.

Nel novembre del 2007, in Alaska la Compagnia di Gesù è arrivata a un accordo extragiudiziale (che non prevede un riconoscimento di colpevolezza da parte dei Gesuiti) di 50 milioni di dollari con 110 presunte vittime di abusi sessuali (1959-1986) in 15 villaggi Yupik.

Nel 2008 toccò all’arcidiocesi di Chicago risarcire per circa 80 milioni di dollari le vittime di oltre 260 casi di pedofilia.

Nel 2012, William Lynn, segretario per il clero dell’arcidiocesi di Filadelfia tra il 1992 e il 2004, è stato condannato per non avere informato i propri parrocchiani e la polizia dei sacerdoti molestatori che conosceva. La condanna è stata annullata nel dicembre 2013 per insufficienza di prove.

Nel 2018, dopo 13 anni di cause, l’arcidiocesi di Saint Paul e Minneapolis ha raggiunto un accordo con 450 vittime di abusi sessuali da parte di membri del clero, pagando ben 210 milioni di dollari.

Nel 2018, dopo 13 anni di cause, l’arcidiocesi di Saint Paul e Minneapolis ha raggiunto un accordo con 450 vittime di abusi sessuali da parte di membri del clero, pagando ben 210 milioni di dollari.

Gli insabbiamenti della Chiesa
Ovviamente fanno clamore le notizie che riguardano un coinvolgimento dei papi.

Nel marzo 2010 il New York Times uscì con un articolo in cui si denunciava che le gerarchie ecclesiastiche non presero le misure necessarie contro un religioso del Wisconsin (Lawrence C. Murphy) che aveva abusato sessualmente di circa 200 ragazzini di un istituto per sordi tra il 1950 e il 1974; e questo nonostante i vescovi americani avessero ripetutamente avvertito la Santa Sede che la vicenda avrebbe potuto creare grave imbarazzo alla Chiesa. Secondo il New York Times, risulta evidente la preoccupazione di proteggere la Chiesa dallo scandalo. Infatti nel 1996 il cardinale Ratzinger, alla guida della Congregazione per la dottrina della fede, non rispose a due lettere sulla vicenda inviate dall’arcivescovo di Milwaukee Rembert G. Weakland. Dopo otto mesi il suo vice, cardinale Tarcisio Bertone, oggi segretario di Stato vaticano, incaricò i vescovi del Wisconsin di avviare un processo canonico segreto per l’allontanamento di padre Murphy. Secondo il New York Times, lo stesso Bertone fermò il processo dopo che padre Murphy scrisse personalmente al cardinale Ratzinger spiegando che non avrebbe dovuto essere messo sotto processo perché pentito e in cattive condizioni di salute. Padre Murphy non ricevette mai punizioni o sanzioni, ma fu trasferito in segreto in varie parrocchie e scuole cattoliche ed è morto nel 1998.

Parallelamente alle rivelazioni del New York Times, nel marzo 2010 il quotidiano tedesco Sueddeutsche Zeitung riporta la notizia del trasferimento per motivi disciplinari di un prete tedesco con precedenti di abusi sessuali ai danni di minori nella comunità della chiesa locale a Monaco di Baviera, durante il periodo in cui papa Benedetto XVI era arcivescovo di Monaco di Baviera e di Freising.

In un’intervista al quotidiano Passauer Neuen Presse sui presunti episodi di pedofilia nel coro di Ratisbona, il fratello del papa, Georg Ratzinger, direttore del coro dal 1964 al 1994, ha ricordato che alcuni ragazzi gli raccontarono come andavano le cose nella scuola di preparazione. Però, ha sottolineato, le loro storie non lo indussero a pensare di “dover intervenire in qualche modo”.

Dopo le accuse all’attuale papa Benedetto XVI si sono diffuse accuse anche ad altri suoi predecessori, a partire da Paolo VI fino a Giovanni Paolo II.

Sotto il pontificato di Giovanni Paolo II, nel 1985 Tom Doyle, un prete e canonico dell’ambasciata vaticana a Washington, inviò un rapporto confidenziale che avvertiva i funzionari cattolici americani della prossima bufera sulla pedofilia. Secondo OC Weekly, già nel 1990 i vescovi inviavano i documenti potenzialmente incriminanti al delegato apostolico perché il suo ufficio godeva dell’immunità diplomatica. Nel 1993 papa Giovanni Paolo II si riferì allo scandalo degli abusi sessuali negli Stati Uniti accusando i media che non avevano perso “un’occasione di sensazionalismo”! Giovanni Paolo II si oppose alla politica della tolleranza zero, evitando di rimuovere il cardinale di Los Angeles R. Mahoney e il vescovo di Orange T. D. Brown, nonostante avessero preso le difese dei preti accusati di pedofilia.

>Germania

In un’intervista al settimanale Focus (marzo 2010), il presidente della Conferenza episcopale tedesca, arcivescovo di Friburgo Robert Zollitsch, ha ammesso per la prima volta che la Chiesa cattolica tedesca ha nascosto “per anni” i casi di abusi sessuali commessi da religiosi nei confronti di minori.

Irlanda

Secondo la Bbc gli abusi denunciati durante la trasmissione Sex crimes and the Vatican sarebbero stati insabbiati dal Vaticano e dall’allora cardinale Ratzinger (papa Benedetto XVI), a capo della Congregazione della Dottrina della Fede.

Nel 2006 la commissione Murphy chiese dettagli al Vaticano circa i rapporti sugli abusi inviati dal 1975 al 2004 alla Santa Sede dall’arcidiocesi di Dublino, ma il Vaticano declinò la richiesta poiché non era passata attraverso gli usuali canali diplomatici, nonostante il carattere indipendente della commissione rispetto al governo irlandese non implicasse la necessità di tali canali. Una seconda inutile richiesta di informazioni e documenti venne avanzata nel febbraio 2007 al Nunzio apostolico a Dublino. Solo nel marzo 2010 Benedetto XVI ha reso pubblica una lettera pastorale ai cattolici d’Irlanda scaricando tutta la colpa sui preti responsabili e sulle autorità della Chiesa irlandese. Nessun commento sulle voci di un suo coinvolgimento nella vicenda.

Il 20 marzo 2012 viene pubblicato il Summary of the Findings of the Apostolic Visitation in Ireland. Nel documento, vero e proprio mea culpa pubblico della Chiesa, ci si riferisce a “Vescovi e superiori religiosi inadeguati ad arginare il dilagare dei gravissimi episodi di pedofilia tra il clero”; “Omessi controlli”; “Impunità per i colpevoli”; “Indifferenza verso le vittime”; “Vergogna per le sofferenze inflitte alle piccole vittime”.

Stati Uniti

Durante la vicenda del 2007 che ha coinvolto la Compagnia di Gesù in Alaska, un ex monaco benedettino e prete, Patrick Wall, ha dichiarato che le gerarchie gesuite erano a conoscenza delle tendenze dei sacerdoti accusati in quanto “avevano il potere assoluto sulle persone e sulla cultura del luogo. Avevano il potere politico. Avevano il potere della razza. Avevano il potere di farti andare all’inferno. Per le vittime non c’era via di scampo”.

Italia

In Italia spesso il sacerdote colpevole degli abusi viene semplicemente trasferito (incredibile il caso Marchese in cui dopo il trasferimento in altra località, nella nuova sede è stato accusato di ulteriori abusi sessuali nei confronti di minorenni). Umoristico il caso di don Cantini: il cardinale Antonelli lo ritenne colpevole degli abusi sessuali attribuitigli dal 1973 al 1987 e, come pena, gli proibì per cinque anni di confessare, celebrare la messa in pubblico, assumere incarichi ecclesiastici. Gli fu ordinato di fare un’offerta caritativa e recitare ogni giorno il Salmo 51 o le litanie della Madonna.

Non rari i casi di sacerdoti condannati o ricercati all’estero per reati di pedofilia trasferiti in Italia.

Clamoroso il caso di James Tully, condannato per pedofilia in Massachusetts: dopo la condanna, il Vaticano decise il trasferimento a Vicenza, salvo ritrasferirlo negli USA quando le vittime erano decise a tenere una conferenza stampa in Italia per denunciare l’accaduto. Identico il caso di Joseph Henn, ricercato in Arizona per molestie su tre giovani di età tra i 14 e i 15 anni, svanisce nel nulla a Roma, dove era agli arresti domiciliari nel 2005 presso la casa generalizia dei Padri Salvatoriani in via della Conciliazione, nei pressi del Vaticano.

Il parroco di Gordola, Canton Ticino (Svizzera), don Italo Casiraghi, condannato a 6 mesi con la condizionale, è stato trasferito a Sesto Calende (VA).

Papa Francesco

Con l’ascesa al pontificato di papa Francesco, la Chiesa cattolica sta cercando, con una colossale operazione di marketing, di riconquistare la fiducia della gente. Singolare il fatto che molti media abbiano fatto notare oltre misura il “rigore” con cui papa Francesco sta colpendo la pedofilia (per esempio con l’arresto dell’arcivescovo Wesolowski), quando dovrebbe essere del tutto normale arrestare un pedofilo. Molti saranno rimasti piacevolmente sorpresi del cambio di rotta della Santa Sede: peccato che non sia che uno specchietto per le allodole. Con i numeri sopraccitati, fermare uno, due o qualche decina di alti prelati che cambia?

Perché papa Francesco non si chiede (e fa studiare il problema) come mai i sacerdoti siano molto più inclini alla pedofilia che le persone normali?

Agghiacciante il fatto che diversi esponenti della Chiesa cattolica minimizzino i dati statistici, usando la legge dei piccoli numeri: dire che solo il 3[[[]]%[]] dei preti sono pedofili suona molto meno grave che ammettere che un prete ha 50 volte più probabilità di essere pedofilo che un cittadino comune perché 3 è minore di 50, anche se le due ammissioni sono equivalenti. Per esempio, nel settembre del 2009 l’arcivescovo Silvano Tomasi, osservatore permanente della Santa Sede all’ONU a Ginevra, minimizzava dicendo che “nel clero cattolico solo tra l’1,5[[[]]%[]] e il 5[[[]]%[]] dei religiosi ha commesso atti di questo tipo”.

Domandone a tutti coloro che non sono credenti praticanti, ma mandano i loro figli al catechismo per non dispiacere al coniuge, ai loro genitori, ai parenti con la classica scusa che “poi in fondo che male c’è, quando sarà grande deciderà lui” (neofarisei): avete capito che in base ai dati stessi forniti dalla Chiesa, un prete su 66 (se va bene) o su 20 (se va male) commette reati sessuali?

Io, mio figlio, in una scuola dove avrebbe una probabilità 50 volte superiore di subire abusi rispetto alla media non lo manderei mai.

https://www.albanesi.it/religione/chiesa-pedofilia.htm



---------------------------------------
- Ha senso - da Anonimo - inviato in data 09/11/2021 alle ore 12.59.44
La Chiesa è una società con dei dipendenti pagati, se questi commettono illeciti la società risarcisce le vittime. Ha senso.

Quello che ha meno senso è che se un dipendente di Amazon o Microsoft facesse una cosa del genere la razza umana boicotterebbe in massa quella società fin dal primissimo episodio...


---------------------------------------
Gli altri post della sezione : Società

Dopo quaranta anni rimpatriata per il ..

Dopo piu' di 40 anni hanno voluto ritrovarsi (Giulio in Pell.......
Redazione - inviato in data 30/05/2022 alle ore 19.38.14 (Ricevuto 1 commenti)

criticità trasporti interni servizio s ..

Appalto trasporti interni presso Ospedale San Luca, Ospedale.......
Redazione - inviato in data 29/05/2022 alle ore 12.59.50

Cgil Lucca: assemblea territoriale ape ..

Prosegue con successo la mobilitazione della Cgil Lucca, imp.......
Redazione - inviato in data 27/05/2022 alle ore 18.52.17

LA BUROCRAZIA, DA GARANZIA A INTRALCIO ..

“LA BUROCRAZIA, DA GARANZIA A INTRALCIO PER IL CITTADINO”: A.......
Redazione - inviato in data 26/05/2022 alle ore 13.28.13

Benvenuti a Lucca..... incuria

Su viale Europa l'erba ormai è talmente alta da rendere impo.......
Anonimo - inviato in data 25/05/2022 alle ore 10.20.26 (Ricevuto 3 commenti)

LETTERA SOCIALE

Questa è una mia lettera spero la pubblichiate do il consens.......
Redazione - inviato in data 24/05/2022 alle ore 18.50.42 (Ricevuto 1 commenti)

le assemblee territoriali aperte della CGIL

La condizione che stiamo attraversando è straordinaria: pandemia, guerra, nuovo paradigma digitale, .......
Redazione - inviato in data 23/05/2022 alle ore 10.45.41 (Ricevuto 1 commenti)

PROGETTO ANZIANI donazione di attrezza ..

Il Rotary Club Lucca ha inserito tra i services dell’annata,.......
Redazione - inviato in data 22/05/2022 alle ore 11.00.13

Vivere il Web in sicurezza s’impara a ..

Una piattaforma di e-learning e un kit distribuito in oltre .......
Redazione - inviato in data 21/05/2022 alle ore 13.50.23

“UNA MARCIA IN PIÙ” 
SUCCESSO PE ..

LUCCA, 21 maggio 2022 - Oltre trecento persone a “Una marcia.......
Redazione - inviato in data 21/05/2022 alle ore 13.46.01

Disabilità e dopo di noi: l'impegno de ..

Disabilità e dopo di noi: l'impegno della Fondazione per la .......
Redazione - inviato in data 18/05/2022 alle ore 10.17.56

Videoclip di sensibilizzazione a Lucca

L’associazione Echo in occasione del 17 maggio In occasio.......
Redazione - inviato in data 17/05/2022 alle ore 17.11.19

Si conclude la missione delle Miserico ..

Si conclude la missione delle Misericordie toscane in Moldav.......
Redazione - inviato in data 13/05/2022 alle ore 16.25.51

Sconnessi in Salute a scuola!

Sconnessi in Salute a scuola! Presentato oggi a Lucca il pro.......
Redazione - inviato in data 13/05/2022 alle ore 16.11.10

“LUCCA EDUCA2”: incontro gratuito per genitori

SOCIAL, VIDEOGIOCHI E BENESSERE DIGITALE IN ADOLESCENZA Incontro in San Micheletto con lo ps.......
Redazione - inviato in data 12/05/2022 alle ore 10.34.26

COMUNICATO CGIL CISL FIADEL SISTEMA AMBIENTE

Le organizzazioni sindacali CGIL CISL e Fiadel di Sistema Ambiente prendono le distanze dal comun.......
Redazione - inviato in data 06/05/2022 alle ore 8.50.46

UN FINE SETTIMANA DEDICATO A PADRE REM ..

Sabato 7 e domenica 8 a San Pietro a Vico e San Cassiano a V.......
Redazione - inviato in data 05/05/2022 alle ore 19.14.41

Giornata mondiale della Croce Rossa

Giornata mondiale della Croce Rossa, i volontari di Lucca do.......
Redazione - inviato in data 03/05/2022 alle ore 19.57.30

Ritorna leggibile l'iscrizione sotto a ..

Ritorna leggibile l'iscrizione sotto al monumento a Maria Lu.......
Redazione - inviato in data 30/04/2022 alle ore 12.59.21 (Ricevuto 3 commenti)

NUOVI CORSI DI FORMAZIONE DI CISL

IN VISTA DEI CONCORSI PUBBLICI A LUCCA MASSA E PISTOIA A seguito del nuovo DL. n.80/2021 sul.......
Redazione - inviato in data 30/04/2022 alle ore 12.27.48

PRIMO MAGGIO 2022. LE PRIORITA' PER CI ..

Oggi più che mai, ma anche ogni giorno la parola di Cisl Tos.......
Redazione - inviato in data 30/04/2022 alle ore 12.25.29

Vertenza Lactalis – Alival: I risultati del primo step del tavolo ..

'La migliore notizia è che di fronte alla vertenza Alival di Ponte Buggianese - l'Azienda ha anche u.......
Redazione - inviato in data 29/04/2022 alle ore 19.40.18

Pialli (Fisascat Cisl) su situazione O ..

A rischio l’imbottigliamento dell’olio a Lucca. A dar.......
Redazione - inviato in data 29/04/2022 alle ore 15.56.01

OGGI SI CELEBRA LA GIORNATA DEI MORTI SUL LAVORO

OGGI SI CELEBRA LA GIORNATA DEI MORTI SUL LAVORO CON: - Nei primi tre mesi del 2022 un increm.......
Redazione - inviato in data 28/04/2022 alle ore 19.16.44

Nuovi stalli per la sosta ai dipendent ..

Giada Bellandi (Fisascat Cisl): 'Una vittoria a metà: esclus.......
Redazione - inviato in data 28/04/2022 alle ore 18.50.29 (Ricevuto 1 commenti)

ALLARME PER I LAVORATORI ALIVAL

AMEDEO SABATO (Fai Cisl Toscana Nord): 'Una storia purtroppo.......
Redazione - inviato in data 28/04/2022 alle ore 18.47.34 (Ricevuto 1 commenti)

Ucraina, a Leopoli anche un volontario ..

Lucca, 26 aprile - C’è anche un po’ di Lucca nel terzo convo.......
Redazione - inviato in data 26/04/2022 alle ore 22.26.40

POESIA IN MOVIMENTO ALL’UNIDEL

Mercoledì (27 aprile), alle ore 16, all’oratorio Giovanni Pa.......
Redazione - inviato in data 25/04/2022 alle ore 19.22.40 (Ricevuto 1 commenti)

25/04/2022 L’ebbrezza totalitaria
24/04/2022 Anche la lettera ZETA la Metton fuorilegge?
22/04/2022 Giornata internazionale della madre Terra 2022
17/04/2022 'NON CHIAMATELI 'SCEMI DI GUERRA'.
(Ricevuto 1 commenti)
17/04/2022 La Renza e la Pasqua, che credeva potesse rendere ...
15/04/2022 CORSI CISL LUCCA PER PREPARARSI AI PROSSIMI CONCO...
12/04/2022 Elezioni RSU: la Cgil sbanca nelle scuole con il 4...
11/04/2022 Una performance liberamente ispirata a Maria Elett...
09/04/2022 Festeggiamenti per i 30 anni della Fidapa BWP Ital...
08/04/2022 Un tulipano per il Parkinson
06/04/2022 la Giornata Mondiale della Salute 2022
05/04/2022 INCONTRO SUI I DIRITTI DELLE DONNE E IL CIF DI LUC...
04/04/2022 SAN GINESE: COLDIRETTI LUCCA, SFIDA E’ GARANTIRE F...
04/04/2022 Sanità Toscana, “Mancano 5mila infermieri
(Ricevuto 2 commenti)
03/04/2022 Cisl Fp Toscana in difesa di infermieri ed Oss osp...
(Ricevuto 2 commenti)
02/04/2022 Lucca: mancano infermieri e operatori sanitari osp...
(Ricevuto 2 commenti)
01/04/2022 la Giornata mondiale della consapevolezza dell'aut...
27/03/2022 QUASI 10.000 EURO DI FARMACI PER L'UCRAINA GRAZIE ...
26/03/2022 DONNE: UNA IMPRESA SU TRE E’ ROSA IN LUCCHESIA
26/03/2022 FILT Cgil e FIT Cisl licenziamento ingiustificato ...
(Ricevuto 2 commenti)
23/03/2022 Accreditamento badanti provincia di Lucca, informa...
(Ricevuto 1 commenti)
20/03/2022 Giornata internazionale della sindrome di down 202...
18/03/2022 Ucraina, la Croce Rossa di Lucca cerca volontari t...
18/03/2022 Domani è la festa del Papà. Ma i padri non hanno m...
14/03/2022 Convegno:“Disturbi del comportamento alimentare. C...
08/03/2022 Filctem Cgil: aggressione verbale ad una dipendent...
08/03/2022 Per un 8 Marzo 365 giorni all'Anno
07/03/2022 8 marzo, crescono le adesioni femminili all'Avis
06/03/2022 8 marzo: non solo mimose alle Chiavi d’Oro
(Ricevuto 1 commenti)
06/03/2022 8 MARZO
03/03/2022 Ucraina, pronto a partire il primo convoglio di ai...
02/03/2022 Ucraina, le Misericordie strumento della generosit...
28/02/2022 Donazione di sangue, al via la campagna di sensibi...
27/02/2022 Il giorno 27 febbraio è mancato il  Maestro Gaetan...
26/02/2022 1 marzo. Iniziative per la Giornata internazionale...
24/02/2022 CONGRESSO CISL CONFERMATI I SEGRETARI LUCCA MASSA ...
22/02/2022 Congresso Cisl Toscana Nord. 'Esserci per cambiare...
22/02/2022 Un pozzo ricorderà Maria Pia Bertolucci in una ter...
22/02/2022 aggiornamenti dal tavolo di trattativi per la cris...
22/02/2022 'RITORNO ALLA VITA' è un evento collettivo aperto,...
21/02/2022 CORSO GRATUITO PER OPERATORI UNITA’ DI STRADA
19/02/2022 Terzo incontro dei martedì missionari di Spazio Sp...
18/02/2022 Rapporto povertà Caritas, Acli: “Toscana non più i ...
10/02/2022 Latte San Ginese Tavolo di crisi in Regione
10/02/2022 FLAI – Cgil, FAI – Cisl e UILA – UIL sulla crisi d ...
09/02/2022 Green pass. Dipendenti delle Poste della provincia ...
(Ricevuto 10 commenti)
07/02/2022 Iniziative per la Giornata per la sicurezza in ret ...
04/02/2022 Vertenza Caplac Gruppo Arborea
04/02/2022 IMT E FONDAZIONE
(Ricevuto 3 commenti)
04/02/2022 Agricoltura, in Toscana lavoro sempre più femminil ...
04/02/2022 A proposito di Drusilla
(Ricevuto 3 commenti)
04/02/2022 Presidio San Luca e territorio Campo di Marte a ri ...
03/02/2022 La Giornata internazionale contro il cancro
01/02/2022 Latte San Ginese, lettere di licenziamento collett ...
(Ricevuto 5 commenti)
24/01/2022 per grandi e piccini
(Ricevuto 4 commenti)
13/01/2022 Sangue, l'appello ai donatori di Avis Toscana: 'Ch ...
01/01/2022 Buon 2022
(Ricevuto 1 commenti)
01/01/2022 Buon 2022
(Ricevuto 1 commenti)
31/12/2021 Nuovo defibrillatore a S. Anna
(Ricevuto 2 commenti)
30/12/2021 A gennaio un nuovo corso online per diventare volo ...
29/12/2021 Medici di Medicina Generale della provincia di Lu ...
(Ricevuto 3 commenti)
19/12/2021 la XXVI Giornata internazionale della solidarieta'
18/12/2021 Appalto dei servizi di apertura al pubblico
(Ricevuto 2 commenti)
17/12/2021 UN NUOVO CENTRO DI ASCOLTO CARITAS A SAN PIETRO A ...
17/12/2021 Cgil Lucca: manifestazione di Roma 16-12
12/12/2021 CISL. GIANNECCHINI NUOVO SEGRETARIO PENSIONATI
09/12/2021 Nursing Up, rinnovo contratti: gli infermieri imba ...
09/12/2021 CONCLUSO IL 2° CONGRESSO DEL SINDACATO LAVORATORI ...
08/12/2021 Giornata internazionale dei diritti umani 2021
06/12/2021 NICOLA DA SAN MARTINO CONFERMATO PER LA TERZA VOLT ...
04/12/2021 OPEN DAY. SCUOLA DELL’INFANZIA G. Giusti – G. Roda ...
03/12/2021 CGIL Lucca: elezione Segretario Generale FILCAMS
25/11/2021 No alla Violenza: dalla parte delle Donne!
24/11/2021 Servizi di pulizia presso pdv Pam Panorama
22/11/2021 Cgil Lucca: Manifestazione del 25 novembre contro ...
20/11/2021 Una luce per l’AFghanistan
17/11/2021 E''nata l'associazione BLU LUDOVICA
15/11/2021 Domani mozione per la bigenitorialità
(Ricevuto 1 commenti)
15/11/2021 Dedicato agli 'ultimi', gli 'invisibili'
09/11/2021 Comunicato stampa unitario Cgil, Cisl e Uil
09/11/2021 Cgil Lucca: atti vandalici ai fondi di viale S. Co ...
(Ricevuto 2 commenti)
08/11/2021 NO VAX: Analisi
(Ricevuto 7 commenti)
07/11/2021 Delusione e rabbia per gli ambulanti di Arti e Mes ...
(Ricevuto 2 commenti)
03/11/2021 Sangue, il primo giorno dei 35 volontari di serviz ...
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it